mercoledì 25 gennaio 2012

Arianna vuole fare l'astronauta (classica)

Ed eccomi qua. Martina, 24 anni, sposata da tre. Da qualche mese ho iniziato (ancora) una nuova vita: ho cominciato a studiare e ho cambiato lavoro. Adesso faccio la baby-sitter come quando andavo alle superiori. 
Mi è sempre piaciuto darmi da fare: a 14 anni, durante i mesi estivi, iniziai a lavorare in un laboratorio fotografico dove imparai a stampare le pellicole fotografiche regolando la quantità di colore e l'esposizione. Mi piaceva moltissimo. Purtroppo due anni dopo quel laboratorio fu rimpiazzato da quello digitale e il mio aiuto non serviva più. Ma nel frattempo avevo già cominciato a montare album matrimoniali artigianali, lavoretto che invece potevo svolgere durante tutto l'anno e che fu il mio impiego "fisso" per tutti gli anni del liceo. Non mancavano le attività del doposcuola, come il giornalino e il teatro. Poi a 18 anni anche la divertente attività di baby-sitter.
Una volta approdata a Milano ho fatto per qualche tempo l'assistente alla comunicazione, poi l'operatrice telefonica per un'azienda tedesca, ho lavorato anche come postina nel centro di Milano e per ultimo l'assistente alla clientela presso un ufficio relazioni con il pubblico.
Nel frattempo insieme a mio marito Daniele ho girato qua e là per il mondo.
Insomma, se ripenso al passato ho imparato a fare (e ad apprezzare) diverse cose... e non mi sono specializzata in niente! Di certo fino ad ora non ho avuto una vita noiosa. Ma se penso al futuro... Negli ultimi tempi ho dovuto riscontrare che le bambine che curo hanno le idee in merito al loro futuro più chiare delle mie. Per esempio Isabella, 4 anni, vuole fare la maestra perché le piace dare ordini. Letizia, quasi 8, ama cucinare e desidera diventare cuoca. Mentre Arianna, neanche 12 anni, per il momento ha deciso che frequenterà il liceo classico ed è incerta su tre future professioni (ma almeno un'idea ce l'ha): astronauta, avvocato o nuotatrice. 
Da buona adulta questo pomeriggio, quando mi ha dichiarato le sue intenzioni, le ho fatto notare subito la realtà dei fatti:


- Se vuoi fare l'astronauta non va bene il liceo classico.
- Perché?
- Perché si studiano perlopiù le materie umanistiche mentre per fare l'astronauta penso ci voglia una preparazione scientifica.
- Allora farò l'astronauta classica. - ha ribattuto con semplicità e ovvietà. 
Già: mica male scrivere poesie nello spazio. Non ci avevo mai pensato come ipotetico futuro impiego.
- Se sceglierai di fare la nuotatrice - riparto carica - hai pensato che lo potrai fare solo fino a una certa età? Dopo cosa farai?
- Dopo farò la mamma.
- Ah. E già che ci sei, quanti figli vuoi avere?
- Sette. Gemelli.
- Sette???
- Evvabbé, facciamo tre. Sempre gemelli. - la conversazione comincia a farsi seria.
- Ma sei sicura che vuoi i gemelli? Guarda che è una fatica immane.
- Che ti devo dire, mi piacciono i gemelli..!


Più tardi, presa dalla curiosità, ho chiesto ad Arianna se le piacerebbe andare a vivere all'estero un domani. Lei mi ha detto che ci andrà sicuramente. E' indecisa sulla Nuova Zelanda e Boston. Boston tuttavia è più fattibile in quanto lei aveva già pensato di sposare un americano, andare a vivere lì e "realizzare il sogno americano".
Alla fine delle mie ore di lavoro sono un tantino stordita. Quella conversazione con Arianna ha fatto risorgere sopite domande: e io, "da grande", cosa voglio fare?
Ripenso a cosa volevo fare da grande quando ero piccola: dicevo che mi sarei sposata a 21 anni, come la mia mamma: l'ho fatto!
Dicevo che avrei voluto cinque figli, come la mia mamma: Daniele non è tanto d'accordo...
E poi? Poi, mentre guidavo e stavo rientrando a casa, ho smesso di pormi domande, la vita con le incombenze mi ha riportato sul pianeta Terra.
Quello che farò e diventerò lo vedrò e realizzerò giorno per giorno.
Intanto penso ad Arianna e sorrido: forse un giorno diventerà la prima "astronauta classica" nella storia dell'umanità, forse si ricorderà di me e mi manderà qualche poesia da Marte ed io potrò raccontare ai miei cinque figli di averla conosciuta.

1 commento:

  1. ma prima di andare su marte qualcuno che viene con in romania l'hai trovato... anche di li si possono scrivere bellisime poesie....!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina