lunedì 19 marzo 2012

Milano Milano

Milano Quando Sono Lontano Voglio Tornare
Milano Quando Ci Sono Voglio Scappare

Così recita un verso della canzone "Milano Milano" degli Articolo 31, uscita una decina di anni fa, quando mai avrei pensato che sarebbe diventata la mia città.

Ma oggi non voglio scappare. Mi trovo sul sagrato del Duomo ad aspettare una persona della quale non conosco l'aspetto. 
"Sono bassina, ho i capelli scuri". Già ma il mondo, piazza del Duomo inclusa, pullula di piccole morette. "Ho una grande borsa a tracolla di pelle arancione" (più grande di me, avrei dovuto aggiungere). Così, mentre tengo stretta la borsa, il mio vero segnale di riconoscimento, il mio sguardo poco a poco non è più intento ad osservare i tanti passanti ma si perde nella piazza. Il Duomo è alle mie spalle, i turisti lo fotografano estasiati. Mi volto ad osservarlo meglio e penso a quanto in fretta i miei occhi si siano abituati alla vista del marmo bianco, dei bassorilievi, delle guglie. Levo lo sguardo sulla destra: la galleria, corso Vittorio Emanuele, più in là, piazza San Babila che il mio sguardo non può raggiungere. 
C'è il sole alto a Milano oggi. Su questo sagrato mi sono data appuntamento con svariate persone nel corso degli ultimi anni. L'appuntamento è sempre allo stesso posto. E ogni volta non posso fare a meno di pensare a quanto sia legata a questa città. 
Lo penso in occasioni come questa perché si corre ogni giorno come dei matti qui, si vive sui mezzi, attraversiamo la città sottoterra. Tempo per Milano non ne abbiamo. Così quando ti chiedono com'è non facciamo che contribuire alla sua brutta fama: frenetica e grigia. Snob, aggiunge qualcuno. Neppure chi è nato e cresciuto qui la risparmia dalle critiche.
Certo, mi ha tolto tanto Milano, ma mi ha dato di più di quello che mi ha tolto.

Ma ecco che la persona che sto aspettando arriva. Una stretta di mano veloce e subito avviamo il passo. 
Non c'è più tempo per pensare. Non c'è più tempo per Milano.

10 commenti:

  1. Milano è affascinante... "Milàn l'è 'n gran Milàn"
    Un grande abbraccio...Vale.

    RispondiElimina
  2. E' vero si dovrebbe parlare più in positivo di una città come Milano, in effetti non è solo frenetica grigia e snob, per quel poco che ho potuto viverla, avendo un figlio che da non molto vive lì, devo dire che è una città per molti versi bella da vivere. A Milano non ci si può annoiare, offre molto e ce n'è per tutti i gusti e poi sai cosa ho notato? La gente mi piace un sacco a Milano, se vai a fare la spesa trovi persone gentili e quando chiedi un'informazione per la strada sono cordiali, non sono diffidenti come nei piccoli centri, forse è la voglia di socializzare, chissà! A Milano ho conosciuto belle persone ovunque andassi. Sono proprio così o lo sono solo le persone che ho incontrato io? A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Carla,

      forse hai sempre chiesto informazioni in orari non di punta! :-)
      Scherzi a parte, io credo che qui siamo semplicemente più abituati al concetto di "altro", di "diverso".
      Grazie di essere passata, a presto!

      Elimina
  3. Io amo Milano! Prendersi il tempo per passeggiare per le sue vie è davvero bellissimo! Peccato che poche persone si ricordino di parlare cosi bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se tu abitassi vicino a me sono sicura che ogni tanto ci prenderemmo del tempo per gustarci Milano come si deve!
      Un forte abbraccio.

      Elimina
  4. "Milàn l'è 'n gran Milàn". Sottoscrivo.

    Chi ancora pensa che Milano sia solo una città nebbiosa, grigia e triste dimostra solo di avere una veduta provinciale, campanilistica e di non conoscere affatto Milano.

    La cosa straordinaria è che, anche se sembra non ci sia tempo per Milano, alla fine è Milano a trovare tempo per noi, donandoci opportunità uniche in questo paese, opportunità e ritmi che sono sì "frenetici", ma consentono di vivere una vita piena, quasi come poter vivere 36 ore al giorno.

    Amore, apprezzo ciò che scrivi perché il tuo punto di vista dimostra una larga veduta, dimostra che hai conosciuto persone provenienti da molti posti diversi, che hai visitato le loro terre e hai provato a vivere come loro. Scrivi con concezione e rispetto. Sopratutto non possiedi bandiera, non sei quindi prevenuta e non critichi negativamente le cose intorno a te.

    Daniele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie amore mio: sei il milanese più bello e simpatico che conosca!

      Elimina
  5. Ciao Martinissima!!!!! Ho un premio per te, passa a ritirarlo dal mio blog! Te lo meriti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono fiera di aver ricevuto questo premio! Grazie mille!

      Elimina