sabato 31 marzo 2012

Tempo ragionevole

Mi diletto nel dare soprannomi a chi mi sta vicino. Oggi è toccato (di nuovo) a mio marito Daniele: tempo ragionevole il suo nuovo nomignolo. Un nome che gli calza a pennello, lasciate che vi spieghi il perché.
Questa mattina, prima di uscire di casa, come mio solito non trovavo ciò che mi serviva - oggi gli occhiali, domani saranno le chiavi o il cellulare o i documenti ecc... - così ho chiesto a Daniele di aiutarmi nella ricerca. 
"Sì, ma trovali in un tempo ragionevole". Ho estratto per un momento la testa dalla mia grande borsa e l'ho guardato un po' stupita: siamo di fretta e lui non mi dice "basta che ti muovi", non "sbrigati" o "corri" ma "trovali in un tempo ragionevole". 
L'avesse mai detto perché ho cominciato da subito a canzonarlo: "Dani, puoi chiamare l'ascensore in un tempo ragionevole?"; "Amore, chiudi la porta in un tempo ragionevole!". 
In ascensore ho spiegato a tempo ragionevole che non c'è bisogno che si rivolga a me come quando parla davanti a un uditorio in occasioni formali. Ma la moderatezza vince su tutto in Daniele. Chissà se un giorno riuscirò a trasmettergli un po' di quel vivace squilibrio che mi porto dentro... credo tuttavia di aver già portato abbastanza disordine nella sua vita, perciò punterò sulla prole!

6 commenti:

  1. Pensa che io quando ho bisogno di tempo dico: "aspetta due righe..." oppure "aspetta un filo...", ma perchè mai dirò così? non lo so nemmeno io. Almeno tuo marito ha quel nonsoché di raffinatezza,ti pare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carla, forse per "aspetta due righe" intendi "aspetta come il tempo di scrivere due righe": ti sembra accettabile come spiegazione? :-)

      Elimina
  2. ahahaha! Sai che anch' io uso tantissimo l' espressione "in un tempo ragionevole"!... E' sempre divertente leggerti! Ti abbraccio forte... e lo faccio in un tempo ragionevole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...perché sotto sotto anche te sei un'adorabile perfettina! :-)

      Elimina
  3. Aplomb inglese direi!
    La mia misura di tempo preferita (che mi ha fatto sbellicare quando l'ho sentita per la prima volta) è:
    "sarò da te in un quarto d'orina" (inteso come un quarto d'ora ma leggermente più veloce)
    Sciroccata anche io eh?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente! Ma ti prendono sul serio quando richiedi un quarto d'orina di tempo? :-) A presto!

      Elimina